PRODUTTORI DEL BARBARESCO

Barbaresco Docg Riserva"Muncagota" 2015 - Produttori del Barbaresco

€40
  • abbinamenti Carne rossa in umido, pasta al sugo di carne, carne arrosto e grigliata, selvaggina, formaggi stagionati.
  • alcol 14,5%
  • annata 2015
  • denominazione Barbaresco DOCG
  • filosofia tradizionale
  • formato 0,75 l
  • giudizio 3k 8/10
  • regione Barbaresco DOCG
  • temperatura di servizio 16-18°
  • vitigni Nebbiolo 100%

NOTE DI DEGUSTAZIONE:

Dal colore rosso granato con sfumature aranciate, si presenta al naso con un bouquet etereo e complesso, con profumi fruttati e sfumature di violetta, rosa selvatica, spezie d’oriente e liquirizia. Dal sapore vellutato e seducente, caldo e morbido, ricco, strutturato e dal finale persistente.

PERCHÉ CI PIACE:

Merito del grande lavoro svolto dalla cantina Produttori del Barbaresco, realtà produttiva in cui il rapporto qualità-prezzo riserva sempre piacevoli sorprese, in ogni etichetta, e che ama declinare la DOCG del Barbaresco con diverse espressioni. Questa Riserva, nello specifico, incarna la magia delle Langhe piemontesi, coinvolgendo naso e palato con profumi e sapori armoniosi ed equilibrati. Un grande rosso da invecchiamento, da assaporare sino all’ultima goccia. Questo Barbaresco Riserva “Muncagota” nasce dalle uve in purezza di Nebbiolo, grande autoctono della regione Piemonte. Le uve di questa varietà vengono coltivate all’interno del cru che regala il nome all’etichetta, Muncagota, caratterizzato da un terreno argilloso e calcareo, esposto verso sud-est. Gli acini, una volta raccolti e portati nei locali adibiti alla vinificazione della cantina Produttori del Barbaresco, fermentano alcoolicamente in acciaio, macerando sulle bucce per 28 giorni, svolgendo anche la malolattica. Si procede poi con l’affinamento, svolto dapprima per36 mesi in botti di rovere, e poi, dopo l’imbottigliamento, per altri 12 mesi in bottiglia.

Prima del 1894, le uve Nebbiolo venivano vendute per produrre vino Barolo o semplicemente etichettate «Nebbiolo di Barbaresco». Ma nel 1894, Domizio Cavazza, preside della Royal Enological School di Alba e residente al Barbaresco, creò la prima cooperativa, le "Cantine Sociali", riunendo nove proprietari di vigneti Barbaresco per produrre vino nel castello locale di sua proprietà. Comprendeva bene le differenze tra lo stesso vitigno, il Nebbiolo, coltivato nelle diverse aree del Barolo e del Barbaresco e, per la prima volta, lo riconosceva sull'etichetta del vino.

Le «Cantine Sociali» furono chiuse negli anni '30 a causa delle regole economiche fasciste. Nel 1958, il sacerdote del villaggio di Barbaresco, riconoscendo che l'unico modo in cui le piccole proprietà potevano sopravvivere era unendo i loro sforzi, riunì diciannove piccoli coltivatori e fondò i Produttori del Barbaresco. Le prime tre annate furono realizzate nel seminterrato della chiesa, poi nella cantina costruita attraverso la piazza dove si trova ancora il Produttori.

Uniti ancora una volta, i piccoli coltivatori hanno proseguito i lavori avviati da Domizio Cavazza, producendo solo vino Barbaresco e valorizzando sia la reputazione del vino che del paese. L'orgoglioso passato di Barbaresco e la dedizione dei suoi creatori hanno reso i Produttori uno dei maggiori produttori in una grande area vinicola; esso ... «continua a stabilire alcuni dei più alti standard di vinificazione per qualsiasi cooperativa del mondo». (Robert M. Parker, Jr. .; The Wine Advocate, 2-28-90).

Gli ordini vengono consegnati entro 1-3 giorni lavorativi dalla conferma dell'ordine e dal lunedì al venerdì dalle 8:00 - 20:00. I costi di spedizione sono di 9.50€ e GRATIS per ordini sopra i 129€.

Ti potrebbe anche interessare

Visti di recente