VEUVE CLICQUOT

CHAMPAGNE "LA GRANDE DAME" 2004 MAGNUM cofanetto -VEUVE CLICQUOT

€350
  • abbinamenti Cibi delicati tra i quali il caviale, pesce, molluschi e crostacei “aragosta, astice, ostriche”
  • alcol 12,5%
  • annata 2004
  • denominazione Champagne AOC
  • filosofia tradizionale
  • formato 1,5 l
  • giudizio 3k 9/10
  • premi Robert Parker 91/100 -James Suckling 91/100 - Wine Spectator 94/100 - Wine Enthusiast 94/100
  • regione Champagne (Francia)
  • temperatura di servizio 6-8°
  • vitigni 61% Pinot Noir, 39% Chardonnay

NOTE DI DEGUSTAZIONE:

Approccio olfattivo elegante e ricco, esaltato da una mineralità rocciosa che fa da legante con il frutto fresco e soprattutto l’agrume. Dà l’impressione di avere una gran materia, densa, concentrata, di eccezionale qualità, ma anche di essere estremamente giovane, quindi non ancora perfettamente espressiva. La bocca è concentrata, ovvero vinosa, coerente con l’olfatto per via di agrume, frutto e acidità perfettamente integrati a dare pienezza. Lo sviluppo, però, è monolitico e piuttosto asciutto, non per via della mineralità, quanto di una netta componente agrumata che sembra limitarne il dinamismo. Compensato però da un finale fruttato di eccezionale persistenza.

PERCHÉ CI PIACE:

La Grande Dame è la Cuvée de Prestige della Maison, un grandissimo vino che rende omaggio a Madame Clicquot. Nasce nel 1972 con il Millesimato 1962, in occasione del duecentesimo anniversario della fondazione della Maison; la sua storia inizia dunque dieci anni prima, quando si scelgono gli otto terroir classificati Grand Cru che, grazie al suo incomparabile istinto, Madame Clicquot aveva scelto e acquistato durante la sua lunga vita. Il suo assemblaggio è composto da una dominante di Pinot Noir, nato dai migliori appezzamenti della Montagne de Reims (Verzenay, Verzy, Ambonnay, Bouzy) e della Grande Vallée de la Marne (Ay), cui fa da contrappunto la nota di freschezza dello Chardonnay raccolto negli appezzamenti della Côte des Blancs (Avize, Oger e Le Mesnil-sur-Oger). La Grande Dame dorme a lungo, sei anni almeno, prima di suscitare al palato un’incomparabile emozione, come seta; una fresca nota iniziale, seguita da accordi potenti e audaci, ancora perlati di freschezza, in una sinfonia fine e raffinatamente sontuosa. La preziosa essenza della Grande Dame è custodita in una bottiglia dalle linee morbide e sinuose, scura nel vetro, che esibisce con immutata fierezza i propri stemmi: l’àncora marina, emblema della Maison, le iniziali VCP incise nel vetro, firma di una grande famiglia e infine la cometa, che attraversò il cielo nel 1811, alla quale si attribuì l’eccezionale qualità del vino di quell’anno, battezzato per l’occasione “Vino della Cometa”. Immancabile sigillo portafortuna di ciascuna di queste prestigiose bottiglie.
Tutto inizia nel 1772, quando Philippe Clicquot, uomo d’affari e proprietario terriero, fonda “un négoce de vin à l’enseigne Clicquot”. Una piccola realtà, che aspira a oltrepassare le frontiere per far conoscere il nuovo nome dello Champagne al mondo intero. Nel 1798, François Clicquot, figlio del fondatore della Maison, sposa Barbe Nicole Ponsardin. Sarà quest’ultima che dopo aver ereditato dal marito tutta la passione e tutte le competenze per la produzione e per la commercializzazione dello Champagne, riuscirà a far crescere l’impresa fino a farla diventare una delle Maison più famose e rinomate non solo della zona di Reims, ma di tutta la regione della Champagne. Barbe Nicole Ponsardin, infatti, rimasta vedova a soli ventisette anni, dopo la morte del marito prende in mando saldamente le redini aziendali, divenendo di fatto una delle prime grandi imprenditrici donne della storia moderna, conosciuta da tutti con l’appellativo di “vedova Clicquot”, ovvero “Veuve Clicquot”, da cui il nome stesso della Maison.
Sotto la guida della giovane vedova, si conobbero alcune intuizioni che giovarono a tutta la denominazione. Dal primo Champagne millesimato, quello del 1810, fino al perfezionamento della tecnica del remuage, passando per la messa a punto della liqueur de tirage utile alla seconda rifermentazione in bottiglia, non c’è aspetto che lei non seguisse personalmente.
Senza dimenticare, poi, la sua grande abilità commerciale, grazie alla quale la stessa Barbe Nicole Ponsardin riuscì nel 1814 a superare il blocco continentale che immobilizzava l’Europa negli scambi mercantili, facendo approdare il suo Champagne direttamente in Russia, a San Pietroburgo, con quella che oggi non a caso è nota come “cuvée Saint Petersbourg”.
Una storia di eccellenza, insomma, che attualmente, sotto il segno del gruppo del lusso LVMH proprietario della Maison dal 1986, continua grazie a Champagne dalla personalità unica, sempre riconoscibili nella loro immediata eleganza e nella loro straordinaria raffinatezza.

Gli ordini vengono consegnati entro 1-3 giorni lavorativi dalla conferma dell'ordine e dal lunedì al venerdì dalle 8:00 - 20:00. I costi di spedizione sono di 9.50€ e GRATIS per ordini sopra i 49€.

Ti potrebbe anche interessare

Visti di recente