CHATEAU DE ROQUEFORT

COTES DE PROVENCE ROSE' "CORAIL" 2020 - CHATEAU DE ROQUEFORT

€20
  • abbinamenti Pietanze a base di pesce e a taglieri di formaggi freschi.
  • alcol 12%
  • annata 2020
  • denominazione Cotes de Provence AOC
  • filosofia Triple A
  • formato 0,75 l
  • giudizio 3k 9/10
  • regione Provence (Francia)
  • temperatura di servizio 12-14°
  • vitigni Grenache 35%, Syrah 25%, Cinsault 25%, Carignan 5%, Vermentino 5% e Clairette 5%

NOTE SENSORIALI:

l Rosé de Provence “Corail” Chateau de Roquefort si annuncia alla vista con un colore rosato leggero, che richiama la tonalità del corallo. Il naso si apre su note di agrumi e frutta, per poi virare verso un richiamo alle note di rosa selvatica. All’assaggio è di corpo lieve tendente al medio, con un sorso rinfrescante che fa emergere un'impronta minerale chiara e nitida, piacevole per lo svolgimento della beva. Una bottiglia che fa subito estate, ma che in realtà è perfetta per tutte le stagioni dell’anno, in abbinamento a pietanze a base di pesce e a taglieri di formaggi freschi.

CURIOSITÁ:

Il Rosé de Provence “Corail” Chateau de Roquefort ha origine da diverse uve coltivate nella Provenza occidentale. I vitigni, tipici di questa zona, si uniscono per dare vita a una bottiglia dall’anima fresca e minerale, molto beverina e dal profilo ammiccante anche grazie a una veste estetica particolarmente azzeccata. Un’etichetta da bere adesso tutto d’un fiato, anche se può reggere con tranquillità un affinamento ulteriore di un paio d’anni in vetro, senza perdere minimamente il proprio smalto. Questo “Corail” Rosé de Provence Chateau de Roquefort ha origine da un blend di diversi vitigni dove ritroviamo Grenache, Syrah, Cinsault, Carignan, Vermentino e Clairette. Le viti di queste varietà hanno più di trent’anni, e crescono sul versante nord-occidentale del massiccio di Saint Baume. Le lavorazioni fra i filari vengono svolte seguendo i principi del biologico. Dopo la raccolta e la diraspatura dei grappoli, solo gli acini di Grenache e Cinsault macerano a freddo; la fermentazione successiva del mosto avviene spontaneamente, in contenitori d’acciaio inossidabile. L’affinamento finale ha una durata di sei mesi, periodo in cui il vino rimane a contatto con le fecce fini in acciaio.

Nei tempi greco-celtici Roquefort era una fortificazione di ritorno per le città marittime di Marsiglia e Cassis, quando i Romani l'hanno presa, lo chiamarono “Rocca Fortis”, che in francese si traduce Roquefort!
Durante il Medioevo, la terra di Roquefort era di proprietà della baronia di Aubagne, che a sua volta faceva parte dei principi di Les Baux de Provence, purtroppo senza alcuno ad ereditare questa vasta fortuna, nel 1425 è andata alla Corona di Provenza. Un accordo è avvenuto nel 1470 tra il re René de Provence e i vescovi di Marsiglia, che hanno preso possesso della baronia di Aubagne.
Il vescovo Pierre de Raguenau ha poi dato la terra a Pierre du Beausset nel 1568. I suoi discendenti lo possedevano finché non fu acquistato nel 1812 dal conte di Gardanne, un generale dell'esercito e un antenato della famiglia de Villeneuve, che sono i proprietari attuali.
La storia di Roquefort ci racconta molto sulla sua economia in quei tempi. Ancora oggi la viticoltura e la produzione di vino rimangono la sua principale attività, mentre in passato la foresta, la produzione di bachi da seta e l'agricoltura erano altrettanto importanti.
La cantina fu costruita nel 1734 e ospitava già all'epoca ben 46 botti contenenti 1398 ettolitri!
Nel 1995 la cantina è stata sottoposta ad una modernizzazione completa ed ora vanta i più recenti sistemi di vinificazione.
I 25 ettari di vigneto coltivati da questa fantastica cantina sono curati con amore e rispetto della natura, la preoccupazione principale del proprietario è quella della qualità delle uve e la loro piena maturazione. Le varietà di uve principali sono quelle piantate tradizionalmente nella Provenza: grenache noir, syrah, cinsault, mourvèdre, carignan, clairette, rolle e ugni blanc.
Un terzo delle viti piantate hanno più di 40 anni, con un terzo tra i 15 e i 40 anni, il resto invece è stato piantato negli ultimi 15 anni.
Il vigneto è situato ad un'altitudine di 350-400 metri ed è ben protetto dalle scogliere circostanti. Il paesaggio consiste di colline e altopiani che formano il massiccio di Sainte Baume, che sorge a 1042 metri a poche miglia di distanza in direzione di Aubagne e Gèmenos.
Grazie a tutte le loro accortezze, questa cantina ci regala ogni anno dei fantastici vini di una finezza incredibile e da una tradizionalità rara da trovare, da non perdere!

Gli ordini vengono consegnati entro 1-3 giorni lavorativi dalla conferma dell'ordine e dal lunedì al venerdì dalle 8:00 - 20:00. I costi di spedizione sono di 9.50€ e GRATIS per ordini sopra i 129€.

Ti potrebbe anche interessare

Visti di recente